• MERCOLEDÌ 27 OTTOBRE 2021 - S. Frumenzio vescovo

Pennino: a cosa serve davvero? | La nostra esperienza con Matepad 11

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Hdblog.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


All'inizio fu la penna - ma parliamo di migliaia di anni fa, se pensiamo agli steli di giunco degli antichi Egizi - e poi fu il pennino; per la precisione quello digitale, da usare sui display. Un'accoppiata, quella di pennino digitale e schermo, che è stata proposta al pubblico in maniera più consistente a partire dagli anni '90, complice anche la diffusione degli organizer personali come ad esempio il Palm Pilot: qualcuno se lo ricorda? Permetteva di convertire la scrittura a mano in un testo digitale, il tutto purché i segni fossero vergati in una certa maniera, e riscosse un grande successo di vendite. Da lì la diffusione è stata progressiva: di pari passo con l'avanzamento della tecnologia abbiamo visto pennini abbinati a laptop, tablet e smartphone, con funzioni sempre più avanzate al servizio dell'utente. Oggi, l'impressione è che i produttori di hardware lo ritengano un accessorio premium, perché spesso venduto a parte, ma indispensabile per ampliare le facoltà del dispositivo nudo e crudo.


Il TOP di gamma più piccolo? Samsung Galaxy S21, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 698 euro oppure da Media World a 749 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE



Sannioportale.it