• MERCOLEDÌ 8 DICEMBRE 2021 - Immacolata Concezione

Tutto cambierebbe con una donna al Quirinale

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Una donna uccisa ogni tre giorni. Donne uccise in quanto donne. Una vergogna della nostra civiltà.Il report della Direzione Centrale della Polizia Criminale. La Presidente del Senato Casellati. La Ministra Marta Cartabia.Leggo e penso: da quanti anni continuiamo a dirci tutto questo? Ormai abbiamo leggi, abbiamo condanne, abbiamo corsie dedicate per processi rapidi. Abbiamo numeri di aiuto da chiamare h24, abbiamo centri di ascolto, di sostegno, di aiuto, case famiglia, onlus. Abbiamo campagne di spot per sensibilizzare l’opinione pubblica, programmi televisivi, convegni. Abbiamo scalinate, piazze invase da scarpe rosse, assunte a simbolo delle vittime. Abbiamo muri sommersi da bambole, simbolo di quei delitti. Abbiamo manifestazioni, sit-in, cortei. Abbiamo creato una cultura che ha tolto il segreto dalla tragedia delle donne violentate, abusate, perseguitate, umiliate dentro la loro casa, dai maschi che hanno sposato, che hanno per compagni, per padri, per fratelli. Abbiamo fondato e adottato un termine che dà il nome a questo.  Nomina sunt consequentia rerum, i nomi riproducono la realtà, la cristallizzano, ce la rendono evidente. Abbiamo testimonial che invitano a denunciare le violenze, abbiamo una Giornata che ci obbliga a parlarne, abbiamo campagne di educazione nelle scuole, abbiamo analisi psicologiche, sociologiche , corsi per insegnare alle Forze dell’ordine come individuare i segnali, come rispettare e proteggere le donne(e un terzo non ci riesce) che trovano il coraggio di ...



Sannioportale.it