• DOMENICA 26 SETTEMBRE 2021 - S. Damiano Martire

Ti alzi, metti un Avatar e lavori come in presenza. È l'ufficio ibrido (e distopico) di Zoom

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


È stato il “compagno di banco” del lockdown e ora Zoom, la piattaforma che consente di fare videoconferenze, call di lavoro e webinar, sta evolvendo per diventare lo strumento di comunicazione del futuro, ideale per il cosiddetto “ufficio ibrido”, quello in cui si alternerà presenza a smart working. Il CEO, Eric Yuan, ha annunciato importanti novità: “Una volta non ci pensavamo. Ora, per ogni funzionalità, dobbiamo pensare a come supportare l’ibrido”, ha affermato a Forbes. Tra le new entry, la lavagna virtuale e le traduzioni dal vivo e un nuovo “abito” per far sentire chi è connesso da remoto al pari di chi è presente di persona.La più grande novità di Zoom è quello che chiama Video Engagement Center, un servizio che rivoluzionerà il modo in cui le aziende e i negozi si rivolgeranno ai propri clienti. Collegherà i rappresentanti del servizio clienti e il supporto tecnico agli utenti per consulenze o procedure dettagliate basate su video. Lo strumento potrebbe essere utilizzato anche in un contesto di shopping o vendita al dettaglio, con venditori che mostrano prodotti in negozi fisici o digitali dedicati. Zoom prevede di lanciare questo prodotto all’inizio del prossimo anno, insieme ad altri modelli che aiuteranno ad integrarlo nei flussi di lavoro e nelle app dei clienti.Entro il prossimo anno la piattaforma è decisa a risolvere alcuni ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it