• SABATO 27 NOVEMBRE 2021 - S. Valeriano vescovo

Puntare i riflettori sulle vittime, non sul violento narcisismo dei carnefici

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Conosciamo tutte una Melania, una Jessica e una Sara. Spesso, in alcuni momenti delle nostre vite siamo state proprio noi Melania, Jessica e Melania. Solo che abbiamo avuto la forza – o la fortuna – di salvarci un attimo prima che fosse troppo tardi. Ricordo ancora quando, inconsapevole vittima di un narcisista, provai a interrompere la nostra relazione malata. Mi telefonò minacciandomi che, se non fossi tornata a casa, avrebbe ridotto tutto in macerie e iniziò a mandarmi messaggi con un inquietante conto alla rovescia. Quando ci ripenso, provo per me pena e tenerezza. Vigliaccamente ringrazio che lui abbia trovato un’altra donna che mi ha rimpiazzato nella sua ossessione perversa; a volte mi sento in colpa, avrei dovuto provare ad avvertirla, ma non l’ho fatto.  Anche se ci crediamo forti, combattive e sicure abbiamo tutte le nostre fragilità. E i narcisisti sanno pescare proprio lì, nutrendosi delle ...



Sannioportale.it