• MERCOLEDÌ 8 DICEMBRE 2021 - Immacolata Concezione

Erdogan vuole fare pure il banchiere. E la lira turca va a picco

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


“Questo prodotto non è al momento disponibile”. L’avviso compare a ogni cittadino della Turchia che volesse comprare un iPhone online. La Apple, nonostante non sia stata rilasciata alcuna comunicazione ufficiale, sembra aver bloccato le vendite dei propri prodotti verso il paese, dopo la svalutazione record della lira turca. La moneta nazionale infatti è scesa ai minimi storici martedì, quando contro il dollaro americano ha toccato persino il -15%. “In Turchia non c’è una politica monetaria indipendente della Banca centrale, c’è invece una forte interferenza politica”. Lo spiega a HuffPost Valeria Talbot, Head of the Mediterranean and Middle East programme all’Ispi. Rendendosi protagonista della peggiore performance del mondo, “dal 2012 la lira ha perso l’82% del suo valore, di cui il 12% solo nell’ultima settimana”, dice l’esperta. La valuta ha recuperato fino al 7% già ieri ma la volatilità e l’aumento dei prezzi non smettono di preoccupare consumatori e investitori.Se queste percentuali possono sembrare astratte, hanno invece immediati e pesanti effetti su quella che si definisce “economia reale”, quell’ambito economico che riguarda la produzione e distribuzione di beni e servizi. Tradotto: effetti sulla vita quotidiana delle ...



Sannioportale.it