• SABATO 27 NOVEMBRE 2021 - S. Valeriano vescovo

Col taglio delle tasse risparmi fino a 900 euro l'anno

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Otto miliardi, di cui sette per il taglio dell’Irpef e uno per l’Irap, con cui il Governo finanzia, in maniera strutturale, il primo intervento per la riduzione del carico fiscale sui lavoratori dipendenti, pensionati e lavoratori autonomi. Nel vertice in mattinata in Via XX Settembre, nelle stanze del Ministero dell’Economia, le forze di maggioranza hanno finalmente trovato la quadra politica su scaglioni e aliquote, soglie e redditi, insommma su come dare un po’ di sollievo al ceto medio e medio-basso. “Questo è solo il primo passo di un percorso che abbiamo iniziato seguendo le indicazioni arrivate dal Parlamento”, ci tiene a precisare all’HuffPost il viceministro dell’Economia Gilberto Pichetto Fratin. “Abbiamo ridotto le aliquote e abbiamo modificato gli scaglioni di reddito. È chiaro che i benefici maggiori andranno in particolar modo a chi ha un reddito lordo fino a 50mila euro l’anno, ma chi guadagna di più potrà beneficiare degli sconti sulle fasce di reddito precedenti. Ma ripeto, questo è solo un primo passo di un percorso di armonizzazione della progressione fiscale che prevede, tra le altre cose, il superamento dell’Irap per le imprese”.Nel dettaglio, le aliquote Irpef calano da cinque a quattro grazie ai sette miliardi messi sul piatto dal Governo nella legge di Bilancio. Per chi ha un reddito fino a 15mila euro non cambia nulla, l’aliquota - che interessa circa 30 milioni di contribuenti - resta al 23%. Nella fascia successiva, quella da 15mila a 28mila, arriva la prima modifica al sistema fiscale prodotta dalla maggioranza: l’aliquota scende al 25% dal precedente 27%. Oltre la soglia dei 28mila euro cambia ...



Sannioportale.it