• GIOVEDÌ 13 MAGGIO 2021 - S. Emma vergine

Pensioni e cassa integrazione terremotate dal Covid

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Panorama.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Nel 2020 l'emergenza sanitaria ha causato 100.000 morti in più nel nostro Paese. Questo significa un risparmio per la previdenza di 11,9 miliardi di euro nei prossimi anni. Ma, parallelamente, il 48% dei lavoratori ha beneficiato di sostegni per il calo delle attività...La pandemia da Sars-Cov2 ha colpito duro il nostro mondo: oltre 142 milioni di contagiati e 3 milioni di decessi secondo le rilevazioni della Johns Hopkins University; particolarmente duro nel nostro Paese sia economicamente sia sotto il profilo sanitario. Lo confermano i dati di Itinerari Previdenziali elaborati in base ad alcuni indicatori che classificano l'Italia il terzo peggiore Paese sui 30 principali analizzati, il che smentisce la narrazione di Giuseppe Conte e del suo ministro della Salute che parlavano di «modello Italia». Questi risultati indicano che: a) sia il ministero della Salute e tutte le sue diramazioni sia gli scienziati nostrani (i virologi che presidiano tutti i talk show) fino al 21 febbraio non si erano accorti che in Italia circolava da tempo il virus nonostante le terribili immagini di Wuhan; per fortuna ci ha pensato la giovane dottoressa Annalisa Malara di Codogno che, dopo ripetute richieste alla sanità lombarda, si è assunta la responsabilità di fare i tamponi per verificare la tipologia di virus scoprendo l'esistenza del Covid-19 sul paziente 1, a cui segue il primo decesso a Vo' Euganeo. Eppure l'Istat aveva segnalato un aumento dei decessi per malattie respiratorie già nei primi mesi del 2019 tant'è che a dicembre vengono rinvenute tracce Rna del virus nelle acque reflue di Torino e Milano e nei campioni istologici prelevati a novembre 2019, il che retrodata ancora la presenza del Covid-19 ...



Sannioportale.it