• VENERDÌ 3 FEBBRAIO 2023 - S. Biagio vescovo

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Panorama.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



La Cina pronta a mangiarsi anche l’industria eolica europea

Secondo Jochen Eickholt, amministratore delegato di Siemens Gamesa, la sovranità energetica europea è in pericolo imminente e chiede ai legislatori di conferire al settore eolico lo status di industria strategica oltre a porre in essere le opportune misure per garantire la tutela del settore e della sua catena di approvvigionamento.La Germania, forza propulsiva dell’energia eolica europea con l’Energiewende, si affaccia sul mare del mare del Nord dove arrivano indisturbati i venti oceanici, e dispone di 60 GW di potenza eolica installata, circa 6 volte quella italiana. Eppure, come si rileva dai dati del Fraunhofer Institute, è frequente che la quota giornaliera dell’energia prodotta da fonte eolica sia inferiore al 10% del totale della domanda di energia elettrica tedesca: con questi numeri risulta difficile comprendere come possa contribuire a renderci indipendenti dal gas russo e quindi, ai fini della sicurezza energetica, al nostro paese, l’industria eolica serve a ben poco.In realtà le affermazioni di Eickholt evidenziano come la concorrenza sulle materie prime e la crescita dei costi energetici stiano mettendo in crisi un’industria, che strategica non è, ma ha sempre goduto di un mercato estremamente favorevole, agevolato dagli incentivi europei alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.La Germania, sede di molti produttori europei di ...
Testi ed immagini Copyright Panorama.it



Sannioportale.it