• MERCOLEDÌ 29 SETTEMBRE 2021 - SS. Michele Gabriele e Raffaele

Il caldo rimpicciolisce il cervello

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Panorama.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Quando le temperature della Terra crescono, le dimensioni del corpo umano, in media, si riducono. È una legge evolutiva. Anche il nostro cervello si sta ridimensionando, ma per altri motivi. Lo rivelano nuovi studi.Quel vecchio adagio secondo cui «esistere è cambiare» vale non solo per ognuno di noi ma per l'intero generex Homo. Un gruppo di ricercatori dell'Università di Cambridge nel Regno Unito e dell'Università di Tübingen in Germania ha dimostrato che nell'ultimo milione di anni le dimensioni del corpo umano sono cambiate in funzione della temperatura. Climi più freddi hanno favorito l'evoluzione di corpi in media più grandi mentre climi miti li hanno «ridimensionati».Se potessimo guardare indietro nel tempo, vedremmo quindi individui del genere Homo di taglia più minuta nei periodi in cui la Terra è stata più calda. Dalla stessa ricerca, apparsa su Nature Communications, è emerso che le dimensioni del cervello hanno anch'esse subìto forti variazioni, ma indipendentemente da quelle del corpo e non solo per ragioni legate al clima. Per esempio, steppe e grandi praterie avrebbero favorito cervelli più estesi in risposta alla necessità di eseguire compiti più complessi, come la caccia ai grandi animali.Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno prima misurato parti del corpo e del cervello di un totale di 370 fossili ...



Sannioportale.it