• MARTEDÌ 30 NOVEMBRE 2021 - S. Andrea apostolo

Dietro il golpe in Sudan le mire dei terroristi islamici

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Panorama.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Dopo mesi di tensioni e di accuse reciproche tra gruppi militari e civili che condividevano il potere dal 2019 dopo la cacciata dell'ex leader Omar al-Bashir l'atteso golpe militare in Sudan è purtroppo arrivato. Così Abdalla Hamdok Primo ministro del Sudan che voleva togliere potere ai militari che controllano tra gli altri il commercio del gas da cucina e l'estrazione di minerali senza contare l'economia sommersa interamente o quasi nelle mani dei soldati, è stato prima trattenuto e poi posto agli arresti domiciliari nella notte tra il 24 e 25 ottobre scorsi da soldati fedeli al generale Abdel Fattah al-Burhan che ha fatto dichiarare al ministero dell'Informazione che ‹‹membri civili del Consiglio sovrano di transizione e un certo numero di ministri del Governo di transizione sono stati arrestati da forze militari congiunte e gli arrestati sono stati condotti in un luogo sicuro››. Il colpo di mano dei militari era atteso perché da tempo i segnali che la situazione stava per peggiorare erano ...



Sannioportale.it