• MARTEDÌ 26 OTTOBRE 2021 - S. Florio martire

"Salvini, invece di frignare chiudi". Padellaro estremo, la Gruber annuisce | Video

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.



"Il caso Morisi porta direttamente al caso La Bestia di Salvini". Antonio Padellaro, editorialista del Fatto quotidiano, è ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo, su La7, insieme a Ilaria Cucchi, sorella di Stefano. Il clima in studio è quello del processo sommario a Matteo Salvini e alla Lega, prendendo come pretesto i guai privati di Luca Morisi, l'ex responsabile della comunicazione di Salvini (si era dimesso la scorsa settimana) travolto da una indagine a Verona per cessione di sostanze stupefacenti. Una vicenda, appunto, privata e che nulla ha a che fare con la politica. Ma la gogna per Morisi diventa, ben presto, quella per l'ex ministro degli Interni.            "Luca Morisi è un mago della Rete - premette Padellaro -, ma senza Salvini sarebbe stato un computer disconnesso. La figura centrale è Matteo Salvini, che attraverso la Bestia, nomen omen, ha acquisito consensi in grande misura e che oggi dovrebbe interrogarsi sull'uso di questo strumento di comunicazione che ha creato un sistema di colossale ipocrisia".                "La Bestia - prosegue Padellaro - è stato un modo per dividere da una parte i cattivi, la sinistra, dei drogati e che quelli che vogliono la sostituzione degli italiani con gli immigrati, e dall'altra i buoni, Dio Patria e Famiglia, quelli che sono contro la tossicodipendenza, l'esercito del Capitano. Questa storia della Bestia è una montatura e ha provocato molta sofferenza. Invece di frignare, Salvini dovrebbe riflettere se non sia il caso di chiudere questa Bestia, questo meccanismo mostruoso che sta danneggiando innanzitutto la Lega".      



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it